Il 9 ottobre alle 11.00  si è riunita presso la sede del Circolo Spaventa Filippi la giuria della sezione di Saggistica storica ed Economia politica presieduta dall’Accademico dei Lincei Cosimo Damiano Fonseca e composta da: Nicola Roncone, Francesco Saverio Lioi, Domenicantonio Fausto, Aldo Morlino, Anna Maria Rao e Rocco Brancati . All’unanimità sono stati scelti i vincitori delle varie sezioni della Quarantacinquesima edizione del “Basilicata”.
Il premio di Saggistica storica nazionale intitolato alla memoria di Vincenzo Verrastro è stato assegnato a Francesco Benigno per il libro “La mala setta. Alle origini di mafia e camorra” Einaudi. Una segnalazione è stata attribuita al saggio di Emanuele Lelli “Sud antico. Diario di una ricerca tra filologia ed etnologia” Bompiani. Il premio di Saggistica storica lucana intitolato alla memoria di Tommaso Pedìo è stato assegnato a Franca Assante per il volume “In Basilicata nei secc. XVII – XX. Uomini, Istituzioni, mercato: un equilibrio difficile” Congedo editore. Sono stati segnalati i libri di: Nicola Coccia “L’arse argille consolerei” ETS edizioni; Franco Sabia “Gli Aviglianesi” Calice Editore; Francesco Di Tria – Angelo Cipollone, “Il Blu il Rosso nel Mediterraneo colori di un Millennio” AGA editrice. Il premio di Economia politica e Diritto dell’Economia è stato attribuito a Giandomenico Scarpelli autore del volume “La ricchezza delle emozioni. Economia e finanza nei capolavori della letteratura” Carocci editore. Nell’ambito di quest’ultima sezione sono stati segnalati anche i saggi di: Riccardo Varaldo “La nuova partita dell’innovazione. Il futuro dell’industria italiana” Il Mulino; Alberto Majocchi “Un piano per l’Europa. Sviluppo sostenibile e occupazione” Il Mulino. La giuria del Premio Città di Potenza, destinato a lavori  di Archeologia i cui autori si sono specializzati presso l’Università degli Studi di Basilicata, è stata presieduta da Cosimo Damiano Fonseca ed è composta da: Antonio De Siena, Francesca Sogliani e Rosa Fiorillo.  Il Premio è andato a Giusi Marino per la tesi dal titolo “La ceramica medievale e postmedievale del convento di San Francesco d’Assisi a Senise”. È stata segnalata, infine, la tesi di Michele Laurenzana dal titolo “Irsina: topografia e archeologia di un centro peuceta”. I premi saranno consegnati domenica 23 ottobre alle 18.30 nell’Auditorium del Conservatorio di Musica “Carlo Gesualdo da Venosa”.