(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.data-privacy-src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-80325538-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

L’Ordalia, Italo Alighiero Chiusano

//L’Ordalia, Italo Alighiero Chiusano

L’Ordalia, Italo Alighiero Chiusano

L’Ordalia

Italo Alighiero Chiusano, 1979, Rusconi

da sinistra Chiusano intervistato Marabini

da sinistra Chiusano intervistato Marabini

Il Chiusano, noto soprattutto come germanista, storico e traduttore fertile di quella letteratura, e come autore di radiodrammi e poesie, benché abbia già al suo attivo due prove narrative, si può dire giunga solo ora, con quest’opera della maturità al romanzo. E tale L’Ordàlia si deve considerare a pieno titolo per l’impostazione strutturale che consente di definirlo, come pochi oggi, “storico, picaresco e politico”.

Ma il libro, ambientato attorno all’anno Mille, e che racconta la storia di uno scrivano pontificio folgorato dalla scoperta che la famosa donazione di Costantino, su cui si basail potere temporale del Papato, sarebbe falsa, e che ha bruciato la sua breve vita avventurosa

 

2017-07-25T11:51:26+00:00