Il Circolo Silvio Spaventa Filippi nel 2019 ha celebrato i cinquant’anni dalla sua fondazione con numerose manifestazioni culturali di carattere storico, linguistico e letterario.

L’anno si è aperto con un’iniziativa social interamente dedicata all’amore nel giorno di San Valentino.

I poeti del Circolo hanno scritto per l’occasione alcuni componimenti che sono stati sia diffusi sui social network facebook e twitter, sia riprodotti su pergamena e distribuiti nelle principali librerie di Potenza. La poesia che ha ottenuto il maggior numero di “mi piace” è diventata il testo di una canzone del gruppo musicale lucano “Ipnotica”.

La canzone è stata presentata in anteprima a Tramutola nella Biblioteca comunale “Mons. Anselmo Filippo Pecci”, durante una manifestazione dal titolo “Versi in musica in Val D’Agri” ospitata dall’Assessore alla Cultura Anna Maria Grieco, membro del gruppo dei poeti del Circolo.

A Tramutola, inoltre, è stato presentato il quarto numero della rivista Leukanikà con la partecipazione di due collaboratori locali: Raffaella La Scaleia e Vincenzo Tedesco.

La serata è stata dedicata alla memoria di Camilla Schiavo, già Dirigente scolastico del Liceo scientifico “Galileo Galilei” di Potenza.

I poeti del Circolo, tuttavia, sono stati anche i protagonisti di un’altra iniziativa svoltasi nel Ridotto del Teatro Stabile dal titolo “Versi in viaggio”.

Tre, invece, sono stati gli incontri promossi per approfondire e favorire il dibattito su un tema di grande attualità: l’autonomia rafforzata, le illusioni e presunzioni dell’autonomia del Nord e il rapporto Svimez 2019. Quest’ultimo evento è stato realizzato in collaborazione con il Lions Club Potenza Host, ed è stato seguito da una tavola rotonda sullo sviluppo della città di Potenza dal terremoto del 1980 ad oggi.

Adriano Giannola, Presidente della SVIMEZ e della giuria della sezione di Economia politica e Diritto dell’Economia del Premio Letterario Basilicata, ha partecipato alle tre manifestazioni fornendo un contributo autorevole e dettagliato sui rischi derivanti dalla richiesta di autonomia avanzata dal Veneto, dalla Lombardia e dall’Emilia Romagna.

Varie, inoltre, sono state le attività promosse per coinvolgere le scuole del territorio.

La 5F del Liceo classico “Quinto Orazio Flacco di Potenza”, nell’ambito del cartellone di eventi del Comune di Potenza “la maschera & le maschere. Il Carnevale potentino”, ha presentato nella Sala dell’Arco del Palazzo di Città un interessante lavoro di ricerca sulle maschere e le usanze del Carnevale del passato.

Per il secondo anno consecutivo, in collaborazione con l’associazione Il Centro della Potenza, è stato promosso un ciclo di incontri in alcune scuole di Potenza per far conoscere la figura di San Gerardo in occasione dei Novecento anni dalla morte.

Nella sede del Circolo Silvio Spaventa Filippi, infine, è nato il CELS – centro di educazione alla lettura e scrittura – diretto da Claudio Elliott, scrittore di fama nazionale e docente di scrittura creativa. Il fine delle attività laboratoriali gratuite è stato quello di fare acquisire ai ragazzi gli strumenti utili per la comprensione di un brano e la stesura di un testo.

Lo slogan del CELS è stato: Leggere per piacere, leggere e scrivere per valere.

Nell’ambito della Quarantottesima edizione del Premio Letterario Basilicata, inoltre, è stato bandito per il quinto anno consecutivo il concorso letterario riservato agli studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore della Basilicata.

Il concorso, che consiste nella produzione di un saggio breve o racconto a scelta dello studente, è stato incentrato sul tema “Doveri e diritti”.

Davanti al dilagare di episodi cronaca nera, inoltre, si è ritenuto opportuno riflettere sulle cause che scatenano frequenti episodi di violenza sessuale, e su come la società possa intervenire a partire dalla formazione scolastica.

Al tal riguardo nella Sala dell’Arco del Comune di Potenza, si è svolto un convegno sull’educazione sentimentale con la partecipazione di Emilio Lastrucci, docente di Pedagogia generale e sociale nell’Università degli studi della Basilicata.

Numerosi, infine, sono stati gli appuntamenti all’insegna del dovere della memoria.

Nella sala dell’Arco del Comune di Potenza si è tenuto un incontro su Francesco Saverio Nitti Presidente del Consiglio dei Ministri e i suoi rapporti con la Basilicata nell’ambito delle celebrazioni del Centenario del Governo Nitti.

Nella Sala degli Specchi del Teatro Stabile, invece, è stata organizzata una lettura degli Idilli leopardiani in occasione dei Duecento anni dalla composizione dell’Infinito.

Non sono mancati gli incontri culturali che hanno valicato i confini regionali. A Napoli, infatti, nel Maschio Angioino è stato rappresentato il monodramma lirico “L’Agamennone” del giurista burgentino Francesco Mario Pagano, in occasione della pubblicazione dell’edizione critica del monodramma curata da Silvia Zoppi Garampi, Professore ordinario di Letteratura italiana nell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e membro della giuria della sezione narrativa del Premio Letterario Basilicata.

La manifestazione è stata organizzata in collaborazione con l’Università della Campania Luigi Vanvitelli, la Fondazione Premio Napoli, la Società napoletana di Storia Patria e l’Associazione lucana Giustino Fortunato.

Il respiro nazionale, e non solo, del Circolo Silvio Spaventa Filippi è stato garantito come di consueto dal Premio Letterario Basilicata giunto alla Quarantottesima edizione.

Tra le novità dell’edizione si annovera l’istituzione di un premio di saggistica storica europea intitolato alla memoria di Emilio Colombo, Padre Costituente, già Presidente del Parlamento europeo e Presidente onorario del Basilicata.

Il premio è stato consegnato a Matera per consolidare e avviare un processo di collaborazione culturale sempre più forte e diversificato con la Capitale europea della Cultura nel 2019. A Matera sono stati consegnati anche i premi di Economia politica e Diritto dell’Economia, il premio di narrativa che promuove la cultura della parità di genere e delle pari opportunità, e un premio speciale al Circolo La Scaletta per l’operosa attività culturale portata avanti in sessant’anni di vita.

Il Circolo Silvio Spaventa Filippi e il Circolo La Scaletta di Matera hanno deciso, inoltre, di costituire un comitato promotore per le celebrazioni del centenario della nascita di Emilio Colombo che cade l’11 aprile 1920.

Silvio Spaventa Filippi, altra personalità illustre lucana, è stato posto in rilievo attraverso due importanti iniziative.

Ad Avigliano, città che ha dato i natali al Fondatore del Corriere dei Piccoli, è stato presentato il romanzo Nidi di Vergini. A seguito della manifestazione è stato avviato, di concerto con l’amministrazione comunale e l’Istituto comprensivo “Avigliano Centro”, l’iter burocratico per l’intitolazione della scuola a Silvio Spaventa Filippi.

Tre, invece, sono stati gli appuntamenti tesi ad approfondire l’attuale e dibattuta questione dell’Altro con la collaborazione di Luigi Serra, già Preside della Facoltà di Studi Arabo-Islamici dell’Università L’Orientale di Napoli.

Serra ha tenuto nella Sala degli Specchi del Teatro Stabile una Lectio Magistralis sulle testimonianze linguistiche Arabo-Berbere nei dialetti della Basilicata. In occasione, invece, di Pietrapertosa Capitale per giorno è stato organizzato un convegno dal titolo “I Saraceni a Pietrapertosa”. A conclusione dell’anno si è tenuto nell’Auditorium del Parco del Seminario un convegno sulla percezione dell’altro in occasione dell’uscita in Italia del volume di Giulio Cipollone dal titolo “Quando un Papa e un Sultano parlavano il medesimo linguaggio della guerra”.

L’Oriente, inoltre, è stato al centro di un viaggio artistico e letterario svoltosi nel Teatro Stabile nel corso di spettacolo di danza denominato “Ghawazee” che significa danzatrici – cortigiane d’Egitto. La manifestazione è stata organizzata dal Circolo Silvio Spaventa Filippi e dall’Associazione Il Centro della Potenza all’interno del cartellone di eventi “Estate in Città” promosso dal Comune di Potenza.

L’anno si è concluso con la presentazione del romanzo di Mariolina Venezia “Via del riscatto” nella Sala del cortile del Museo archeologico “Dinu Adamesteanu in collaborazione con il Rotary club Potenza, e l’avvio di un ciclo di incontri sulla vita lucana nel secondo dopoguerra con il supporto della cineteca di Oppido Lucano. Il primo degli incontri è stato dedicato alla lotta all’analfabetismo e sono intervenuti gli storici Lucio Attorre e Gaetano Morese; a illustrare l’enorme ricchezza documentaria della Cineteca lucana è stato il Presidente Gaetano Martino.