(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.data-privacy-src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-80325538-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

1984 Antonio Altomonte, Il fratello orientale, Rusconi

//1984 Antonio Altomonte, Il fratello orientale, Rusconi

1984 Antonio Altomonte, Il fratello orientale, Rusconi

da sinistra Tommaso Pedio, Antonio Altomonte

da sinistra Tommaso Pedio, Antonio Altomonte

Il romanzo Il fratello orientale persegue la sua indagine sui tempi della società d’oggi, ma allarga l’ottica ad alcuni personaggi, emblema di una condizione esistenziale, i quali sono al centro di una vicenda inquietante ambientata a Roma nel quartiere attorno a Via Veneto. L’ambiguità dei personaggi e della oscura trama che li coinvolge in una sorta di inafferrabile irrealtà, è la nota più seducente e suggestiva del libro, che conferma una delle voci più sicure della nostra narrativa

2017-07-25T11:51:25+00:00