(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.data-privacy-src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-80325538-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

Davide

Davide

Carlo Coccioli, 1976, Rusconi

Carlo Coccioli e Luciano Luisi

Carlo Coccioli e Luciano Luisi

Carlo Coccioli affermatosi sin dalle sue prime raccolte di novelle, nell’immediato dopoguerra, si è distinto per una rara capacità di cogliere gli aspetti della nuova realtà italiana senza per questo dimenticare la parte ancora viva e fertile della grande tradizione toscana.
Passato poi in Francia e finalmente nel Messico, Carlo Coccioli è diventato uno degli scrittori italiani più conosciuti all’estero se non addirittura il più conosciuto.
Coccioli che scrive ugualmente con la stessa perizia in francese e in spagnolo ha allargato in questi trentanni l’orizzonte delle sue esperienze umane, religiose e in senso più alto poetiche. Il libro ultimo “Davide” è in questo senso il simbolo di questa sua rara intuizione religiosa e sta a indicare uno dei momenti più autentici e attendibili di una chiara ferma vocazione letteraria.

2017-07-25T11:51:27+00:00