(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.data-privacy-src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-80325538-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

I versi di Giovanni de Trocculi nel “Cansonero” del conte di Popoli

//I versi di Giovanni de Trocculi nel “Cansonero” del conte di Popoli
I versi di Giovanni de Trocculi nel “Cansonero” del conte di Popoli2017-07-25T11:51:32+00:00

Project Description

Marina Mirella, I versi di Giovanni de Trocculi nel “Cansonero” del conte di Popoli. Con scritti di Santino Bonsera e Nicola De Blasi, 2005, pp 102.

Giovanni de Trocculi (Tramutola 1435-1483), funzionario della Corte aragonese di Napoli, è il più antico poeta lucano in lingua volgare; è autore di alcuni testi poetici inclusi nella raccolta miscellanea parigina (Biblioteca Nazionale di Francia, cod. Italiano 1035). Su iniziativa del Circolo Spaventa Filippi e in collaborazione con il Dipartimento di Filologia Moderna della Università Federico II, i testi sono stati collazionati direttamente sul manoscritto da Marina Mirella che ne ha curato l’edizione critica.

SCARICA LA PUBBLICAZIONE

Registrati o effettua il login per scaricare i file
Con la creazione di un account, l'utente dichiara di aver letto ed accettato l'informativa privacy e le note legali e di voler ricevere la nostra newsletter.

Project Details

Skills Needed: